La pesca a Berceto come risorsa

Sabato 24 luglio 20101 alle 9.30 in piazza S.Giovanni BERCETO ha scelto in una Tavola Rotonda qualificata di proiettarsi verso il futuro . La tavola rotonda “La pesca a Berceto come risorsa “ha portato alla ribalta le problematiche relative alla pesca in montagna.
La presenza di acque fresche e limpide , l’assenza di inquinamento , la gestione da parte della società di pesca locale SPS Berceto sempre attiva attraverso i Suoi volontari a prodigarsi per per tutelare i pesci e le acque e garantire la fruibilità del territorio rappresentano con questo ulteriore passo una garanzia per attirare nel territorio bercetese pescatori e turisti.

A rendere qualificata la tavola rotonda la presenza delle Associazioni  Arci ,Fipsas e UNPeM rappresentate rispettivamente da Magnani Iames (presidente nazionale ), Scarica Giorgio ( responsabile del settore trota Emilia Romagna)e Stefanini Fabrizio ( presidente Nazionale), il Prof. Gilberto Gandolfi ( già ordinario di Scienze presso l’Università di Parma ) il dott.Armando Piccinini ( ittiologo presso l’Università di Parma ), Vincenzo Davighi (commissario Tecnico della Nazionale Italiana di Pesca a Mosca più volte sul podio) e Giorgio Cavatorti (guida internazionali di viaggi di pesca nel mondo nonché presidente del museo nazionale della pesca a mosca di Castel di Sangro ).

Sono state poste le basi per la creazione a Berceto del Museo della Pesca a mosca dell’ITALIA del Nord che dovrà fungere da sito non solo da visitare , ma anche da utilizzare come  come scuola didattico educativa per avvicinare i giovani alla natura e al Fiume.

Dopo l’avvio da parte del Sindaco Luigi Lucchi , la relazione di Lodovico Fava,gli interventi dei presenti al tavolo ,il Sindaco ha chiuso il dibattito rimarcando la determinazione del Comune a proseguire per la strada intrapresa ricercando ulteriori punti di convergenza partendo da tutto ciò che ci unisce.

Edoardo Pagani